R.S.A. Radio Sicilia

Gruppo Marescalco Editore

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
  • Team Blogs
    Team Blogs Trova il tuo blog collettivi preferiti qui.
  • Archivio
    Archivio Contiene un elenco di blog che sono stati creati in precedenza.
  • Accesso
    Login Modulo Login

Artigianato, turismo e scienza 2.0 al Museo Archimede e Leonardo di Siracusa

Inviato da il in Arte
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • Visite: 674
  • 0 Commenti
  • Iscriviti a questo post
  • Stampa

 Il Museo Archimede e Leonardo di Siracusa, attivo dal 2012, si rinnova. E apre le porte alla stagione estiva con un nuovo progetto che prevede l’esposizione di veri e propri modelli meccanici in cedro del Libano, realmente interattivi. Potremmo definire così la produzione di questa start-up, con la mania, il chiodo fisso dell'innovazione, per liberare la creatività, ma anche l’uso delle tecnologie applicate al legno. La diffusione della cultura ecologica ha portato Maria Gabriella Capizzi e il suo team di progettisti a utilizzare legname non solo esclusivamente Made In Italy ma soprattutto di recupero nei luoghi più disparati, dove gli alberi sono stati riacquistati da abbattimenti di piante instabili e pericolanti.

Il legno è quindi stato lavorato con prodotti ad acqua nonché vernici ecologiche e naturali a basso impatto ambientale, prive di sostanze volatili, nocive e irritanti. La sperimentazione e le tecnologie applicate, grazie all'affiancamento del gruppo di ricerca Artesmechanicae, hanno esaltato le potenzialità costruttive del materiale ligneo. Il cedro del Libano utilizzato per la costruzione dei modelli sembra così aver già trovato il suo habitat naturale all'interno dell'ex convento del Ritiro, in via Mirabella, luogo storico e affascinante, in uno dei vicoli più antichi dell'isola di Ortigia.
«Ogni modello - commenta la fondatrice del Museo, Maria Gabriella Capizzi - è da considerarsi un pezzo unico perché è realizzato interamente a mano, con una ricercatezza tattile senza eguali, ottenuta con accurate lavorazioni. Qualità vuol dire emozione, un valore sempre più apprezzato nel nostro settore. Profumi di sottobosco e cedro, dunque, riapriranno le porte del Museo Archimede e Leonardo, che dedica e focalizza la sua attenzione sul genio archimedeo. La Manus ferrea, la Leva, la Catapulta, la Vite idraulica saranno infatti soltanto alcune delle invenzioni esposte, in quello che sarà un percorso museografico multilingue, con un confronto simmetrico tra le scoperte dedicate agli studi matematici e ingegneristico-scientifici dei due talentuosi inventori».
Un racconto interpretato dal genio archimedeo, che riporterà il pubblico indietro nel tempo. Dal III secolo a.C. al periodo del Rinascimento, in cui visse Leonardo. Una straordinaria opportunità per chi vuole approfondire la conoscenza, curiosare tra i meccanismi, oppure sperimentare, toccare ed esplorare. Un’opportunità davvero per chiunque dato che il Museo, che ha confermato il protocollo d’intesa con l’associazione “Sicilia turismo per tutti”, prevede percorsi tattili riservati ai non vedenti, dove verrà consentito di toccare le opere in mostra, e visite speciali, coordinate da un tour con traduzioni in Lis (Lingua dei segni italiana). Un Museo per tutti e non solo per certi tipi di disabilità, dalla sindrome di Down all’autismo, ma anche per i cosiddetti normodotati i quali, attraverso un approccio semplice, possono abbattere i propri limiti e aprirsi a un diverso modo di vivere l’arte e la scienza. E per arricchire l'offerta, ecco anche un laboratorio dedicato alle famiglie, un’occasione impareggiabile per conciliare apprendimento, sperimentazione e attività educative.
«Per il Museo Archimede e Leonardo di Siracusa - conclude Maria Gabriella Capizzi – si tratta di un rivoluzione copernicana, da una presa di coscienza del mio ruolo, ma anche da tanta motivazione unita a passione e dedizione per il mio lavoro e per la città di Siracusa, che ha dato i natali a uno dei più grandi studiosi della storia».

0

Commenti

  • Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento

Lascia il tuo commento

Ospite Lunedì, 22 Luglio 2024
Vai all'inizio della pagina